L'alphabet

Dopo aver studiato l'Alphabet esercitatevi con questo video.

https://www.youtube.com/watch?v=YkFXGlHCn_o


La fonetica francese è il modo in cui si leggono i suoni in francese.
La fonetica ci indica  come si legge un parola, come suona.
Le regole sono tante, ma  a me piace semplificarle per i miei alunni per permettere loro di districarsi in questa foresta di  nuovi simboli che altrimenti potrebbero spaventarli, invece di invitarli alla scoperta di questo meraviglioso mondo di confronto culturale.
La lingua è, infatti, il primo terreno di confronto con altre culture, tutte da rispettare, che ci arricchiscono per la loro diversità.
Anche il concetto di diversità si acquisisce e  si fa proprio soprattutto attraverso lo studio delle lingue, imparando a rispettare chi è diverso da noi soprattutto perché non lo capiamo.
Anche il rispetto per l'altro si impara  a scuola e deve divenire parte del cittadino che sarà domani il nostro alunno.
"La prima forma di razzismo è il razzismo linguistico." (Joseph Conrad)
 
 
Iniziamo dall'alphabet
  • A => A
  • B => 
  • C => 
  • D => 
  • E => Eu (letto tra e ed u)
  • F => Ef
  • G => 
  • H => Asch (come nella parola sci.)
  • I => I
  • J => Ji
  • K => Ka
  • L => El
  • M => Em
  • N => En
  • O => O
  • P => 
  • Q => chiù
  • R => Er
  • S => Es
  • T => 
  • U => 
  • V => 
  • W => Dubl vé
  • X => Ix
  • Y => I grèc
  • Z => Zed (la z come un ronzio)
  •  
  • Vocali, Dittonghi e trittonghi

Ecco i dittonghi francesi:

  • ai ed ei si pronunciano sempre E. es: baleine o maison
  • ou si pronuncia u. es: fou, mou, come nella parole uovo.
  • au ed eau si pronunciano o chiusa es: beau.
  • eu e oeu si pronunciano tra la o chiusa e la u chiuse es: feu.
  • oy si pronuncia uaj.es: toy, soy.
  • oi si pronuncia uà. es: toi, moi.
  • u si pronuncia tra la u e la i(pronunciando i ma pensando u).

Le vocali a, i, o, u sono sempre accentate in fine di parola, ad esempio papa (pron. papà), la o finale viene letta sempre chiusa. La e, invece, se non è accentata non si pronuncia mai es: jamb(e), jou(e), mair(e) eccetera. Se è accentata si pronuncia così:

Consonanti

  • In fine di parola le consonanti d, p,s, t, x, z non si pronunciano mai (si ricordi la frasetta: eX DePoSiTo GaZ)
  • In fine di parola la consonante s talvolta si pronuncia, specie in nomi propri, ad esempio: Champ de Mars, Francis
  • Nei verbi la desinenza -ent della terza persona plurale non si pronuncia mai, ad esempio ils parlent, parlano (pron. il parl)
  • La c davanti a e o i si pronuncia s es: facile (fasìl)
  • Ce finale si legge S esempio: directrice (directris)
  • Il gruppo consonantico Ch si pronuncia sc, ad esempio cheval, cavallo (pron. sc'vàl),champagne pron. sciampagn
  • La ç (c con la cediglia) si pronuncia s es: français pron. fransè
  • La z si pronuncia z dolce (tipo ronzio delle zanzare) es. zero (pron. zerò)
  • Il gruppo consonantico ph si pronuncia f come nella parola filosofia.
  • La LL(doppia l) in alcune parole si pronuncia come mouillé come in famille,famiglia (pron. famij)
  • Qui, que si pronunciano: /KI/ e /K (e semimuta come nei dialetti meridionali)
  • Que finale si legge C dura es: fantastique (pron. fantastìc)
  • Negli infiniti dei verbi del primo gruppo o comunque alla fine di un verbo la r non si pronuncia, ad esempio parler, parlare (pron. parlé).
  • La G davanti alla I e la E si pronuncia j , come il suono g dolce in toscano,esempio scagiona
  • La J si legge j, come il suono g dolce in toscano: esempio: jardin (pron. giardèn)
  • Ge finale si legge j esempio: garage (pron. garasg)
  • La U davanti alla I e alla E indurisce la G esempio: baguette (pron. baghett)
  • La E e la A davanti alla N e alla M si pronunciano An nasale esempio: arrondissement (pron.arrondis'man) tante (pron.tant [con an nasale])
  • La O davanti alla N e alla M si pronuncia On nasale come in passion
  • La I davanti alla N e alla M si pronuncia En o Em nasali, esempio: Michelin (pron. misc'len),a volte An nasale es. internetanternet
  • La U davanti alla N e alla M in alcune parole si pronuncia tra la A e la O esempio: Lundi (pron. landi,londi)
  • Ien si legge ién con n nasale esempio: Italien (pron. italian)
  • Ienne si legge ienn esempio: Italienne (pron. italienn)
  • Es finale non si pronuncia esempio: valises (pron. valiz),se ha la e con l'accento si pronuncia è esempio: antiquitès (pron. antikitè)
  • SC davanti alla I e alla E si legge S esempio: piscine (pron. pisìn)
  • La T davanti alla I seguiti da vocale si legge S esempio: nationalité (pron.nasionalité)
  • La CC(doppia c) si legge ks es. accident (pron.aksidan)
  • Le consonanti finali di una parola che è seguita da un'altra che inizia per vocale si pronunciano. vous en parler vuz an parlè

    nous avons nuz avon (Liaison=lieson)  
  • DJ si legge G dolce come in italiano es. adjectif ajectif

Piccolo questionario per le prime classi.

http://my.questbase.com/take.aspx?pin=9363-1496-5532